Luca Matti

 

Rara padronanza, estro, bellezza compositiva e creatività fanno dell'artista Luca Matti

qualcosa di eccelso, unico ed irripetibile nel contesto artististico contemporaneo.

Uno sguardo , taglio visivo particolarissimo. Un tratto grafico che non ha euguali.

Dalla sua totalità artistica si rimane non solo folgorati,ma quasi smarriti giungendo

ad esiti della "Sindrome di Sthendal".

L'apporto ottico sembra rapportarci in una dimensione fumettistica solcata quasi

da medesime figure. Talvolta ci pare di essere intercalati in una dimensione del film

"Metropolis" di Fritz Lang. Veniamo poi pian piano come trasportati dalla  inconscia

narrazione di Luca Matti che ci spinge in qualcosa di mai provato ai sensi.

Sublime  e malinconico ed altamente contemporaneo è poi il tema portante della scelta

pittorica e grafica: la città, la metropoli che ingloba tutto e tutto spersonalizza.

Un uomo che diviene come un ignaro protagonista che al posto dei ciuffi dei capelli presenta

persino delle chiome cubiche come una trasposizione ed interiorizzazione della desolante

vista quotidiana. Si guardino così sia lo splendido e toccante dipinto:"Camera con vista",

oppure "Città nella città"ambedue del 2006.

Per far capire realmente la bravura di questo artista si guardino anche le sculture come:

"Il moticiclista","Babbuino","Inseparabili" forgiate da un inconsueto materiale ovvero le

camere ad aria,ma plasmate con maestria, raffinatezza ed eccelettismo.

Lasciare anche solo per un momento l'arte di Luca Matti crea quasi un atavico dolore

che viene solo colmato sapendo che tutta la sua Arte arriverà anche alle nuove generazioni.

 

 

 

VALERIA S.LOMBARDI

Dott.ssa in Storia dell'arte contemporanea

laureata c/o Università Statale di Milano

 


Indietro - torna alla home page